Nessun prodotto

Rivetti-CHIARO Banner 2.jpg

SCORRI IN BASSO

PER ALTRE INFO

aerofan

il numero 12

I CONTENUTI

del numero 12

  • Roma Tokyo

  • P-63 NACA TEST

  • China Clipper crash

  • Dornier Do. 335

  • Goodyear Inflatoplane

  • La caduta delle aquile

  • Mario Stoppani

  • Siai Marchetti SM.1019

REMOVE

before flight 12

Solitamente il conto alla rovescia per salutare l’arrivo di un nuovo anno inizia una trentina di secondi prima della mezzanotte del 31 dicembre ma, nel caso del 2020, crediamo sia iniziato con largo anticipo, diciamo intorno a marzo... Pur non conoscendo affatto cosa ci aspetta dietro l’angolo nel 2021. Ma tant’è. Vediamo nello specifico del nostro piccolo quali novità porterà il nuovo anno.
Innanzi tutto la distribuzione della rivista vedrà un cambiamento sostanziale dettato dalle statistiche delle vendite, per cui anticipiamo già che potreste trovare Aerofan dove prima non c’era e, in alcuni casi, non trovarlo più dove lo reperivate abitualmente. Questo non significa che non sarà possibile continuare a ricevere la rivista presso la propria edicola ma, semplicemente, che se ciò non dovesse avvenire potrete comunicarlo direttamente a noi e provvederemo o a inviare direttamente la copia a domicilio senza alcuna spesa di spedizione, o a metterci in contatto con l’edicola per organizzare la consegna dei numeri successivi.
Un altra novità riguarda l’inserto interno di Aerofan: dal numero 13 di gennaio 2021, le 16 pagine centrali non si focalizzeranno necessariamente su “storie di ali italiane” ma saranno dedicate a un singolo articolo di approfondimento su uno specifico argomento. E il primo inizierà subito alla grande, riguardando nientemeno che l’impiego del bisonico F-104 nelle fila della NASA. 
Per quanto riguarda gli speciali Aerofan Focus, mentre leggete queste righe è ormai imminente il lancio del numero 3, dedicato alla storia e all’attualità dell’Elisoccorso in Italia, mentre all’inizio del prossimo anno verrà pubblicato il numero 4 che verterà su un’operazione dell’Aeronautica Militare di molti anni fa decisamente importante per quello che ha significato per la Forza Armata in termini di cambio di mentalità e modernizzazione. Ma per il momento non vogliamo dirvi di più per non rovinarvi la sorpresa...
E veniamo a questo numero 12 (eh, sì, e sono due anni...) che si apre con l’indimenticabile impresa di Arturo Ferrarin e del suo volo Roma/Tokyo, di cui troverete doverosa cronaca nelle prossime pagine. L’articolo è in realtà una sorta di prima parte sull’argomento, perché proseguirà su un prossimo numero con le cronache dettagliate dei viaggi di chi ha ripetuto negli anni la storica impresa del pilota di Thiene.
Proseguendo tra le pagine scoprirete la storia travagliata di un Kingcobra “sperimentale” tornato a volare dopo decenni, i fatti e i misfatti di uno dei più affascinanti aerei del Terzo Reich, il racconto di come si trasvolava il Pacifico in idrovolante e la tecnica del curioso aeroplano gonfiabile della Goodyear. Vi porteremo poi al cinema per assistere a grandi battaglie aeree della prima Guerra Mondiale e, se tutto ciò ancora non vi sembra abbastanza, nell’inserto centrale potrete leggere la storia di Mario Stoppani, recordman indimenticato, e del Bird Dog “estrogenato” dalla Siai Marchetti per ottenere l’SM.1019.

 

Buona lettura e ricordate: volare è impossibile!

S55-202PS-70x50.jpg

storie di
ali italiane

il numero 12